FolkestInFesta è un blues, è Fabio Treves. Il grande armonicista e la sua band illuminano la prima delle serate finali. Piace Dall’Armellina, sorprendono i DeCalamus

Il folk-folk è arrivato con i suoni e le tradizioni ciociare dei simpatici e sorprendenti DeCalamus, vincitori della prima edizione di Suonare@Folkest – Premio Alberto Cesa con la canzone Glie Bregante. Il folto gruppo laziale – premiato dalla sorella di Alberto, Ita, viene dalla Valle di Comino ed è gente stra-innamorata di quello che canta e suona con orgoglio. Ci ha davvero colpiti con il suo mix di giovinezza ed esperienza capace di attraversare e rileggere con freschezza un repertorio antico, di trovare gemme preziose (uno stupendo canto di dolore al femminile) e di donarci momenti di autentica festa campagnola affidati a strumenti acustici: zampogna, ciaramella, ocarina, organetto e fisarmonica, chitarra battente, flauti e tamburelli vari. Un caleidoscopio di suoni e storie che ci riporta alle radici più vere di folkest, quelle del popolo e delle sue espressioni, anche povere, ma di un’autenticità unica.

Tratto da: Messaggero Veneto (28.07.2012)

Annunci

Noi Suoneremo a Folkest 2012: FolkBulletin intervista i “DeCalamus”

I DeCalamus, vincitori della prima edizione del Premio Alberto Cesa 2012 con la canzone “Glie Bregante”, una breve intervista per conoscerli meglio.

Il vostro è un nome particolare, che suona d’antico. C’è un messaggio dietro la scelta di chiamarvi così?
Non siamo nostalgici, ma non vogliamo neppure rinunciare alle nostre radici. E’ una lingua antica, certo. Eppure credo che serva ancora a raccontare storie. Storie del passato, di adesso e di domani. Calamus è latino. Significa Calamo cioè il bordone sonoro usato nei strumenti antichi cari ai latini, ai sanniti e agli ernici, popolazioni da cui noi proveniamo. Nel suono di questo strumento c’è ancora l’orgoglio del nostro passato.
Da quando siete attivi come gruppo e come vi siete formati? Quanto i percorsi individuali dei singoli componenti hanno influito sulla creazione di un suono d’insieme? Presentatevi a chi ancora non vi conosce…
Ormai sono parecchi anni. La nostra storia, insieme, è la storia di ognuno di noi. E’ l’incontro di tante visioni ed esperienze musicali (musica classica, jazz, arabo mediterranea, tradizionale laziale, musica leggera) che si incrociano e si armonizzano.
Presentate il vostro spettacolo, gli strumenti e il loro ruolo, i musicisti e il repertorio…
I “DeCalamus” che significa i dieci di Calamus (nome dell’associazione) è un gruppo di musica popolare attivo da numerosi anni nella ricerca e la rieelaborazione delle tradizioni popolari della Valle di Comino; una delle aree italiane più rinomate per quanto riguarda la musica delle zampogne, dell’organetto e per la presenza di suonatori itineranti. Per questa ragione, all’interno del gruppo, è presente un ampio campionario di strumenti musicali, popolari e non – zampogna, ciaramella, organetto, ocarina, chitarra battente, fisarmonica, flauti pastorali, tamburelli , flauto, contrabasso- che caratterizzano tutto il repertorio proposto accompagnando le tre voci presenti nella formazione. Novene, pastorali, balli campestri, serenate e danze arcaiche per un affascinante viaggio nel cuore degli Appennini del “Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise”, alla scoperta di un patrimonio di racconti e suoni che, paradossalmente, risultano più innovativi e caratterizzati di ciò che offre il mercato musicale contemporaneo.
Quanta tradizione c’è in quello che suonate e quanta composizione?
Lo spunto principale dei nostri brani è senza dubbio il vasto repertorio musicale che la valle di Comino offre, ma la composizione è dominante. Spesso, infatti, partiamo da uno o due accordi o da una semplice frase per poi sviluppare il tutto. Basta darci il “la”!
Com’è nata “Glie Bregante”, la canzone che vi ha fatto vincere il Premio Alberto Cesa?
Ci siamo lasciati affascinare dalla figura del Brigante Cucuzza, che intorno al 1600 si nascondeva nelle campagne di Gallinaro. L’impronta rivoluzionaria che caratterizzò le sue gesta, fece di lui quasi un Robin Hood. Un suo discendente, professore di lettere, qualche anno fa scrisse una poesia per ricordarlo. E’ da qui che siamo partiti.
Voi non rappresentate una minoranza etnica ben precisa quanto piuttosto un’area geografica ben individuata, la Val di Comino. Questo legame preferenziale con il territorio è sempre uno stimolo o qualche volta rappresenta un vincolo troppo forte?
Il nostro gruppo si può paragonare ad un albero che ha le radici saldamente ancorate alla propria terra ma ha i rami proiettati verso il futuro. Tradizione, composizione e sperimentazione sonora si mescolano in una sintesi mai banale. Noncuranti delle tendenze del momento, cerchiamo solo di far conoscere,tramite la nostra musica, un posto capace di incantare anche scettici e disillusi: la Valle di Comino, nel cuore della Ciociaria.
Partecipare a un concorso come “Suonare@Folkest”, cioè essere giudicati da una giuria per quanto qualificata e non dal pubblico, quali particolari emozioni vi ha creato?
Non posso nascondere di aver provato una notevole soddisfazione, considerando che il mio gruppo ha scelto di seguire una propria strada musicale e che da sempre vuole proporre un proprio stile. Sono tante le difficoltà che incontriamo sulla nostra strada, soprattutto dal punto di vista commerciale. Ma va bene così…!
Voi operate a cavallo fra Lazio, Abruzzo, Molise e Campania. Com’è la situazione della musica dal vivo nel vostro territorio d’azione? E quella delle produzioni discografiche?
Ci sono pochi gruppi che suonano dal vivo, e la loro sopravvivenza spesso è legata all’esigenza di esprimere delle emozioni a prescindere dal risultato economico.
Le case discografiche?
Per questo tipo di musica, semplicemente non esistono!

Articolo originale: http://folkbulletin.folkest.com/noi-suoneremo-a-folkest-%e2%80%93-i-vincitori-del-concorso-%e2%80%9csuonarefolkest%e2%80%9d-2012-2/

Grande successo per i “DeCalamus” al 18° Alexian and International Friends di Lanciano

Rachele Brancatisano e Maura Amata con la conduttrice Rai Lorena Bianchetti

Successo dei “DeCalamus” alla 18^ edizione del Festival “Alexian and International Friends”, che ha visto lo storico gruppo di musica popolare appartenente all’Associazione Calamus, esibirsi in questa kermesse di artisti a livello nazionale tra i quali Lino Patruno, i Ladri di Carrozzelle e Povia, vincitore di SanRemo nel 2006.

A presentare l’evento la famosa conduttrice Rai Lorena Bianchetti (che ha ripreso la guida della quotidiana trasmissione “L’Italia sul Due”), rimasta letteralmente incantata dall’esibizione dei “DeCalamus” e dal suono ancestrale della Zampogna Ciociara.

Questo notevole traguardo raggiunto dai componenti del gruppo, conferma sempre di più la coraggiosa scelta di voler proporre, ad un vasto pubblico, un repertorio frutto di ricerca sul territorio, prendendo spunto da brani o musiche di cantautori locali per la maggior parte sconosciuti.

A fine mese il MEDIMEX di Bari, la Fiera Internazionale della Musica Mediterranea, dedicherà uno stand ai “DeCalamus” e alle varie attività culturali che da anni l’Associazione Calamus svolge.

Il 6 gennaio il gruppo sarà ospite a Frosinone, nella Chiesa del Sacro Cuore, per il Concerto dell’Epifania.

I "DeCalamus" durante l'esibizione nel Teatro Fenaroli di Lanciano

I “DeCalamus” al 18° Alexian and International Friends

Ritorna ad ottobre uno degl’appuntamenti musicali più importanti e seguiti del panorama nazionale: l’Alexian and International Friends. L’evento artistico giunto alla sua 18° edizione ha visto negli anni la partecipazione di artisti e personaggi di fama nazionale ed internazionale del calibro di: Paco Suarez, Sageer Khan, Miriam Meghnagi, Moni Ovadia, Francesco Baccini, i Tazenda, Eugenio Bennato, Paolo Brosio, Alessandra Canale, Gianni de Berardinis, Dario Vergassola, Enrico Beruschi, Rossana Casale, Audio 2, i Jalisse, Cristiano Malgioglio, Pino Insegno, Linda, Furio Colombo, David Sassoli, i Baraonna e tantissimi altri.

Il festival si terrà sabato 29 ottobre 2011 (con inizio alle ore 21.00) presso il Teatro Fedele Fenaroli di Lanciano (Chieti) e ospiterà anche quest’anno importanti personaggi che artisticamente interagiranno con Alexian Santino Spinelli. Confermata la presenza di un’icona del jazz nazionale come Lino Patruno, del noto gruppo musicale Ladri di Carrozzelle e dei direttori d’orchestra Sergio Rendine e Luciano Di Giandomenico a cui andranno i Premi Attilio D’Amico 2011 e Angelo e Alessio Di Menno Di Bucchianico 2011 al quale il Festival è dedicato. Confermata la partecipazione di Ferdi Berisa, il Rom albanese che ha vinto il Grande Fratello nel 2009, che a sorpresa si esibirà in una performance artistica con Alexian e di Povia, un big della canzone italiana vincitore del Festival di Sanremo nel 2006.

Diversi gli artisti che arriveranno dall’estero (Ungheria e Romania) come Citizen Cafè che eseguiranno musica Rom tradizionale.
Confermata anche la presenza di altri artisti italiani di grande prestigio come il chitarrista classico Alessandro Cavallucci.

Saranno protagonisti del festival di Alexian, i “DeCalamus”, gruppo di musica popolare appartenente all’Associazione Calamus, attivo da numerosi anni nella ricerca e riproposta delle tradizioni popolari della Valle di Comino, una delle aree italiane più rinomate per quanto riguarda la musica delle zampogne, dell’organetto e per la presenza di suonatori itineranti.

“DeCalamus” – Decimino di Musica Popolare

Inoltre interverranno con la danza del ventre di Dut (luce) alias Fabiana Magrelli, la musica d’autore del pianista pugliese Nico Arcieri e la musica classica dell’Ensemble Phralipé.

Presenterà l’evento Lorena Bianchetti, il volto pulito della televisione italiana, che ha ripreso a condurre la quotidiana trasmissione L’Italia sul Due su Rai 2. L’evento sarà ripreso e trasmesso da una televisione nazionale.